Legittimità delle opzioni put a prezzo fisso e divieto di patto leonino

L’avv. Fabris e l’avv. Polloniato hanno ottenuto riconoscimento da un collegio arbitrale con sede a Torino (presidente prof Avv. Alberto Jorio) della legittimità di un patto di opzione put a prezzo fisso, tacciato di nullità dai debitori opzionari per asserita violazione del divieto di patto leonino previsto dall’art. 2265 c.c..

Attesa l’assoluta pretermissione, nel caso di specie, dei soci opzionanti dall’attività gestoria della Società, sia per la quota di minoranza detenuta dagli stessi che per l’assenza di patti parasociali di voto o facoltà di intervento nella nomina dell’organo gestorio, il Collegio Arbitrale ha riconosciuto la validità dell’opzione e condannato gli acquirenti opzionari a corrispondere il prezzo.