Intimazione di licenza per finita locazione di bar-trattoria

Con sentenza 681/2019 del 21 Marzo 2019  il Tribunale di Treviso ha trattato il tema della durata minima dei contratti di locazione aventi ad oggetto un immobile ad uso trattoria.

Si trattava di una delle prime pronunce successive alla novella del 2011 (art. 52 D. LGS. 79/2011) che, con riguardo alla durata minima dei contratti di locazione, ha assimilato alle locazioni alberghiere quelle riguardanti altre attività, tra quali quella di trattoria (9 anni anziché 6).

In particolare il Tribunale ha dovuto stabilire se la prescrizione della durata minima novennale prevista all’articolo 27, terzo comma, Legge 392/78, per le locazioni alberghiere e per quelle assimilate fosse applicabile anche ai contratti stipulati precedentemente all’entrata in vigore della novella, ma rinnovati in epoca successiva.

La pronuncia ha affermato il principio secondo cui, in assenza di diverse espresse indicazioni normative, la nuova norma non può essere applicata retroattivamente a nessun effetto, e quindi nemmeno al fine di mutare e incidere sulla durata minima dei contratti in corso, che rimane di sei anni con rinnovi per uguali periodi: a prescindere dalla novella.